Contatti con gli assessori

Qualche giorno fa avevo pubblicato questo post .

Le reazioni ci sono state e sono state di 3 tipi.

Andrea_Ferrari

Il primo a rispondere è stato Andrea Ferrari. Mi aspettavo questa risposta perchè, anche con tutte le nostre divergenze, conosco la volontà effettiva di Andrea di cercare sempre la massima collaborazione. Quindi nulla di nuovo e lode al suo lavoro che potrà fare sempre meglio.

 

Simone_Piacentini

A ruota, dopo poche ore e nello stesso giorno per esattezza, mi risponde Simone Piacentini. Lui mostra subito una forte propensione al dialogo con buona diplomazia andando lentamente a darmi del TU dopo un approccio molto formale che ci si aspetta sempre e comunque dalle istituzioni. Poi incalza la dose e propone di incontrarci informalmente ma tutti e tre gli assessori insieme seguendo un ordine del giorno che potrebbe occupare, se ben sviluppato, i prossimi 10 anni degli assessorati in questione.

Ecco il suo programma di incontro, ben fatto, per “studiare” la mia idea (loro non sanno che poi gliene sfornerò altre 5000… ihihih):

a) analisi e verifica della fattibilita’ del punto di ricarica. Hardware e costi di installazione

b) analisi del bacino di utenza. Potremmo capire il numero di utenti tramite una promozione sui social network.

c) analisi e verifica dei punti delle possibili installazioni. Dove? Luogo e numero di prese

d) analisi dell’investimento

e) tempi di attualizzazione

f) modalita’ di promozione del servizio

g) analisi della proposta relativa all’agenzia di vendita agevolata. Metodologia, legislazione e costi.

Tommaso_Premoli

Oggi, dopo 6 giorni e dopo un buon numero di mail scambiate tra me e i suoi colleghi (tutti sempre in copia), Tommaso Premoli blocca tutto riferendomi in modo diplomatico che l’assessore è lui e che mi chiameranno più avanti. Io, permaloso e malizioso come sono, traduco con un bel “Fatti i kazzi tuoi”

 Ecco il testo di Tommaso Premoli:

Buongiorno Emmanuele,

la propost

a è interessante ed in linea con le nostre intenzioni. Io, come assessore alla mobilità, sto affrontando il tema per cercare di elaborare una strategia di prospettiva nell’ottica di introdurre buone pratiche, quindi di ridurre le emissioni e migliorare infine la qualità della vita. Concordo sull’opportunità di un incontro per confrontarci ed approfondire. La scaletta suggerita dall’Assessore Piacentini va bene ma credo sia prematuro entrare eccessivamente nel dettaglio Ci faremo sentire noi per un primo incontro.

Grazie per la disponibilità e la collaborazione.

Rimango a disposizione

Tommaso Premoli

Rispondo subito un po stizzito perchè mentre da una parte mi si propone di incontrarsi quanto mai presto e seguire un odg fitto fitto dall’altra mi si respinge con un “Ci faremo sentire noi per un primo incontro”.

Passano 180 secondi e Tommaso Premoli ribatte subito dicendo che avevo frainteso.

Ecco l’ultimo testo:

Caro Emmanuele,

credo ci sia stato un fraintendimento. Non ho assolutamente invertito rotta. Siamo ben contenti che liberi cittadini, soprattutto se competenti, mettano a disposizione le loro idee. Per questo siamo completamente aperti ad un confronto come ho scritto. Siamo fermamente convinti della validità del principio di partecipazione democratica e di coinvolgimento della cittadinanza nell’amministrazione della città. Non ho rimandato a data da destinarsi, ho semplicemente detto che ti avremmo contattato noi una volta individuata una possibile data e tenendo conto dei diversi impegni. Tutto qui. Spero di aver chiarito.

Rimango a disposizione

A presto

Tommaso

Mi delude perché se proprio dovevo pensare in base al partito mi sarei aspetta un’accelerata su questi temi proprio da Tommaso Premoli. SEL c’ha dentro la parola ECOLOGIA. Invece no, probabilmente Tommaso Premoli starà investendo il suo tempo di assessore su altri fronti di cambiamento e miglioramento del paesone di Lodi.

Boh, stiamo a vedere.

PS: Sta di fatto che se qualcuno volesse mettersi insieme e provare a razionalizzare con diverse competenze questa mia idea di ricarica pubblica gratuita e gruppo di acquisto comunale di mezzi elettrici può scrivermi tranquillamente.

Al prossimo aggiornamento.

LELE

Linux nel 2013

fedora14Ciao!

Non sono un sistemista quindi la faccio breve!

Voglio passare a Linux perchè winzozz mi sta sul culo a priori senza farne una filosofia, COSA DEVO FARE?

Ecco, di seguito una mia proposta (ti metto anche tutti i Link!! Non devi stare li a cercare, FALLO E BASTA!)

Di seguito ti metto quello che serve all’utente base/medio.

Tra parentesi ti metto anche i software commerciali che fanno la stessa cosa e che, per l’utente in questione, sono sempre sovradimensionati!!!!

Sistema Operativo (Windows): FEDORA

Gestore Ufficio Virtuale (Office): OPENOFFICE

Programma Manipolatore di Immagini (Photoshop): The GIMP

Programma di Grafica Vettoriale (Adobe Illustrator): InkSCAPE

Programma Disegno Tecnico (AutoCAD): DraftSight

Programma di Sistemi Informativi Territoriali (ArcGIS): Quantum GIS

Menager Photo (Picasa, iPhoto…): ShotWell

Video Editor (Adobe Premiere, iMovie, Movie Maker: Kdenlive

File Sharing (torrent, emule): aMule

Music Manager (iTunes, Windows Media Player): Amarok

Editor e Composer Musicale: Rosegarden

Tutti i software e i SO sono corredati da Forum, blog e quant’altro vi potrà essere utile per sviluppare conoscenza e competenza.

Ora, se non passate a Linux e continuate a dire “kazzo windows fa schifo si impalla sempre” siete dei fessi.

Di tutti quei programmi che vedete ce ne sono diverse decine di cugini e fratelli.

Io vi ho elencato questi perchè da anni (alcuni molti ed alcuni pochi) io uso tale configurazione base.

Non vado nei dettagli delle potenzialità server di Linux perchè chi lavora in quel mondo le conosce bene ma sappiate, per chi non lo sa, che Linux, così com’è, è un server!!! Curiosi? Smanettate!!!!

Se siete curiosi ed avete già installato fedora (dalla 16 in poi) vi posso mandare uno script che vi installa automaticamente i repository necessari e tutte le applicazioni che vi ho scritto sopra

Buon cambiamento!

« Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo. » (Mahatma Gandhi[1])